W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Goldfrapp – Tales of us

ott 8, 2013 by

Tredici anni fa Alison Goldfrapp e Will Gregory, in arte i Goldfrapp, davano vita a un album che presentava una formidabile commistione di stili trip hop e folk. Un album che riusciva a toccare contemporaneamente corde già toccate dai Portishead, Tricky, Massive Attack e Bjork. Stiamo parlando di Felt Mountain (Mute records, la stessa dei Depeche Mode). Ebbene, da quell’album, che tra le altre cose ha dato i natali alla fortunatissima Lovely Head (spot BMW), I Goldfrapp sono cambiati. Hanno sperimentato, certo. Per degli artisti non sperimentare equivale a morire lentamente, su questo non ci piove, ma negli anni la bellissima voce di Alison è stata usata per una mostruosa trasformazione volta alla realizzazione di scadenti velleità pop e zuccheroso glam (gli album Black Cherry e Supernature ne sono il prodotto). Tredici anni dopo, finalmente, i Goldfrapp sono tornati alle origini realizzando un album che sembra un vero e proprio continuo di Felt Mountain: l’onirico e intimista Tales of us. Anche il mese di uscita non è stato casuale, un malinconico settembre, perfetto per le atmosfere noir del disco. Tales of us è racconto di dieci persone, come dieci sono le tracce, ognuna con un nome di persona. I dieci personaggi sono più o meno ispirati alla letteratura:  Annabel è un bambino intersessuale, Clay è un soldato che perde l’amante, Laurel è un’attrice di Hollywood perseguitata da un killer (facile l’accostamento a Mulholland Drive di Lynch) e l’unica sconosciuta senza nome è Stranger, bellissima e straziante ballata. Il nuovo disco del duo di Bristol ha inoltre potenti forze evocative cinematografiche. Non a non a caso molte delle tracce sono accompagnate dai cortometraggi di Lisa Gunning, compagna di Alison ( esempio lampante è il suggestivo videoclip di Annabel). Insomma, i vecchi fan (come me) tireranno un sospiro di sollievo di fronte a questo lavoro che riporta i Goldfrapp lì dove dovevano essere: nei nostri più tormentati e dolcissimi sogni.

 

Tracklist:

1. Jo
2. Annabel
3. Drew
4. Ulla
5. Alvar
6. Thea
7. Simone
8. Stranger
9. Laurel
10. Clay

Related Posts

Share This

Leave a Reply