W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Nel Paese in cui si abortisce in un cesso d’ospedale voi parlate di quote rosa

mar 11, 2014 by

3860014136

Manifestazione pro-aborto

La priorità per le donne qual è, in un Paese impedisce i diritti acquisiti e normati dalle legge nascondendosi dietro al paravento di medici, farmacisti e infermieri “obiettori di coscienza”? Dobbiamo ancora parlare di quote rosa o possiamo magari concentrarci su storie come quella di Valentina?

Prima di sentenziare sull’aborto, pensa: «E se ci fossi capitata io, in quell’ospedale, anziché Valentina?. E se ci fosse capitata mia madre, mia sorella? E se fosse accaduto ad una mia amica?» Pensa, ancora. Chiediti: abbiamo o no tutti il diritto ad una assistenza sanitaria dignitosa? Puoi capire da te che quanto accaduto a questa ragazza all’ospedale “Pertini” di Roma è allucinante, fuori da ogni concezione di paese civile. Una donna che si ritrova sola, in un bagno d’ospedale, tra atroci dolori, a partorire un feto morto. Una storia di fecondazione assistita, di medici obiettori di coscienza, di Tribunali, di speranze e delusioni, di dolore. In un cesso d’ospedale una ragazza abortisce e non c’è un medico, uno solo, non obiettore di coscienza disposto ad assisterla? Non parliamo di chissà quale luogo lontano, cupo e deserto, parliamo di uno dei principali ospedali della Capitale d’Italia. Altro che quote rosa e poltroncine in Parlamento: la dignità delle donne passa soprattutto dalla cancellazione di queste vergogne. Non è un paese civile quello che consente tutto ciò: ficchiamocelo in testa una volta per tutte.

Fonte: fanpage.it

Leave a Reply